etro profumi

 

Per esplorare nuove sfacettature della propria personalità.

L'approccio di Etro al profumo esprime anche nel mondo delle fragranze la ricerca

della qualità, la creatività, lo stile personale che la maison rappresenta in ogni segmento

la sua produzione.


ManRose

Maschile e singolare: sboccia una rosa nel cuore di ManRose. Un petalo dopo l’altro, il cerchio si chiude. La fragranza riprende il largo al soffio di una brezza agrumata di bergamotto di Calabria, rinvigorita dalle sfumature pungenti del cardamomo e del pepe di Sichuan e poi addolcita dal bagliore straniante dell’elemi, l’essenza estratta da una resina usata anticamente in India e in Arabia per fumigare i cristalli da meditazione. Nel cuore del profumo, la nobile rosa celebrata dai maestri sufi e dagli alchimisti, si schiude nell’abbraccio languido dell’incenso per poi sciogliersi sulle note di velluto del geranio che, una volta sulla pelle, si scalda e sa di fresco e di acque lustrali del Calendimaggio. La Rosa, fiore mistico dal simbolismo cangiante, all’interno dell’Eden immaginario di ManRose.

 

Note di testa - Bergamotto di Calabria, Cardamomo, Pepe di Sichuan e Resina di Elemi.

Note di cuore - Rosa Turca, Geranio e Incenso.

Note di base -  Patchouli, Vetiver, Cuoio, Ambra, Muschio Animale e Legni Preziosi.




Patchouly edp

Il nuovo Patchouly eau de parfum di Etro
è un autentico condensato di nomadismo contemporaneo.

Simbolo di una certa idea d’Oriente, che da secoli ricama i sogni degli esploratori lungo le rotte che dall’Europa portano verso la Cina, l’India del Sud, la Thailandia, il Madagascar e l’Indonesia, le terre dove ancora oggi si coltiva la pianta dalle straordinarie proprietà riequilibranti, il Patchouly di Etro è un autentico condensato di nomadismo contemporaneo. Ma a differenza del jus creato nel 1989 all’interno della prima, storica capsule di fragranze della Maison, l’ultima eau de parfum ha un accento meno secco e siderale, e dopo un esordio che evoca il vigore dei legni e degli agrumi, si arrotonda e acquisisce all’interno della trama olfattiva una consistenza di velluto: il sandalo, che esalta la luminosità bianca del patchouly, s’innesta sulle note dolci del balsamo Tolu, del labdano, dell’ambra e della fava tonka, il seme nero portatore di buona sorte, e sul finale sfuma su una scia di vaniglia. E ogni volta che si schiude il flacone sul quale il classico motivo Paisley traspare appena sotto la sinfonia dei verdi e dei rossi iridescenti, nell’aria e sulla pelle rimane come una traccia d’arcobaleno: magico riflesso in una pozzanghera in una giornata di felicità




ETRO PROFUMI

Marquetry

[ Intreccio fiorito ]

 

Sopra un tappeto d'oro faccio un ghirigoro: con petali di rosa disegno losanghe,
un motivo ambrato di onde definisce le sponde,
con volute leggere metto qua e là il vibrato più dolce.
Intarsio di odori e ricordi, fissati nell'ultimo raggio d'estate.

 

Nelle stanze segrete delle regge dei Maharaja e all’ombra delle botteghe rinascimentali, da secoli artigiani abili e pazienti tramandano la tecnica minuziosa dell’intarsio: marquetry, ovvero l’arte di combinare tra loro minuscoli tasselli di avorio e pietre dure, frammenti di madreperla e tessere fragranti di ebano e palissandro, schegge di metalli siderali e lamine di lacca, che di volta in volta compongono incredibili ed elaboratissimi disegni su tabouret, forzieri e gioielli.

Di quest’antica tradizione decorativa che sa trasformare in opera d’arte anche l’oggetto più quotidiano, e di cui sono inarrivabili maestri gli orefici del Gem Palace di Jaipur,Etro propone un’esclusiva traduzione olfattiva, distillata in un jus luminoso e sfaccettato come un gioiello cesellato a mano, in perfetta sintonia con lo spirito cosmopolita della maison. Femminile ma non solo, pensato per una donna che sorvola il suo tempo col piglio deciso e la curiosità senza confini di Amelia Earhart, Marquetry sprigiona uno spirito solare, sospeso tra cielo e terra, sapientemente miscelato con accenti di romanticismo coloniale.

L’eau, racchiusa in un flacone con un tattoo dorato di motivi Paisley, che da sempre appartengono all’iconografia di Etro, debutta con un’ouverture di bergamotto, lavanda e pesca, iridescente come le sete fresche di tintura stese ad asciugare nel vento prima del temporale. Nel cuore, simile agli intarsi centrali degli antichi sarpech, i grandi e scenografici fermagli da turbante, spicca la sensualità carnale della rosa, il cabochon aromatico intorno al quale ruotano le sfumature di tabacco e mandorla della fava tonka, le gibigianne verdi del galbano - cespuglio di foglie rinfrescate dalla pioggia notturna sugli altopiani della Persia - e gli accenti di cacao del balsamo del Perù, che tra gli sciamani del Sudamerica era considerato l’ingrediente chiave per gli unguenti portatori di fortuna.

Al fondo dell'essenza - la gemma più rara dell’intarsio appena ultimato, che un tempo veniva lucidato dagli artisti delle corti moghul con un velo di polvere d’agata - Marquetry celebra il trionfo delle resine: l’ambra che duetta con le note liquorose del labdano, il muschio mitigato da un riflesso di vaniglia che apre la mente e il cuore. Come un talismano per l’anima che schiude struggenti orizzonti di felicità. 




ETRO PROFUMI

Io myself 

 

Io myself

[ Libera-mente ]

 

Mi sento, mi accolgo, mi riparo, m’inseguo e mi sfuggo. 
Salgo sulla luna come ultima meta,
su una stella cometa come estremo approdo.
Esausto, guardo me da lontano: un profilo di fumo con un fiore in mano.

 

Etro presenta la nuova fragranza Io myself: pronome rafforzato, diretto, virile, che racchiude la quintessenza di un modo di essere finalmente libero dall’assillo dell’apparenza, e che risuona nell’aria come la vibrazione metallica di una freccia lanciata verso l’infinito.

Io, proprio io, solo io. Nient’altro. Nella ritrovata assertività dell’essere, non c’è più spazio per i compromessi, e se quest’atmosfera così carica di attese deve avere un profumo, sarà un bouquet maschile e singolare, non privo però di una sottile valenza androgina, che imparenta la chimica delle essenze con la mitologia.

Sono l’inedito estratto di papiro, il limone, il bergamotto e il mandarino che rinfrescano l’esordio di Io myself, la nuova fragranza che Etro dedica a lui, ma con un ampio margine d’apertura anche per lei. Nel flacone avvolto nei ramage dei Paisley argentati, il cuore del jus si scalda nell’abbraccio della rosa turca e dello zafferano, aurea spezia mediorientale che smussa il guizzo della corteccia di cedro e prelude a un tramonto infuocato, ricco di visioni e dimiraggi, che evoca gelide notti tartare trascorse al riparo delle yurte.

Sul fondo, simile a un tappeto prezioso impregnato di sentori terrosi e animali di ambra e di muschio, s’intuisce il calore delle gomme care ai nomadi di tutte le latitudini: il cisto labdano, che racconta di scorribande estive tra i pascoli salmastri di Creta e di Cipro, lo Styrax dell’Honduras, secrezione vegetale dal vago aroma di cannella, e il legno di Oud, dolce e fumoso, il più nobile fra gli ingredienti della profumeria artigianale, che in Asia ha un valore superiore a quello dell’oro e si ricava dalle “lacrime” resinose dell’albero sacro di Agarwood.




Jacquard

Jacquard

[ Ri-tratto di signora ]

 

Intreccio di fili odorosi, esercizio di stile, eleganza che spacca.
Analogia del pensiero, innesto di una traccia,
segno leggero che si ripete e ammicca




Rajasthan

Rajasthan EDP 100ml ETRO SPEZIATO

Rajasthan EDP 100ml ETRO 

Note olfattive Fiore di Limone, Rosa di Damasco, Mimosa, Pepe Rosa, Acacia.

RAJASTHAN

Evoluzioni mistiche

Plano e risalgo, danzo e volteggio: dall’alto del tappeto volante ogni cosa distante è improvvisamente vicina. Sento il frusciare delle piante, della seta, dei fiumi. Energia inebriante, sfarzo del pensiero nella posizione del loto.




Paisley

Unisex

PAISLEY

Una fragranza intensa e misteriosa che racchiude in sé l’identità di Etro.

Un nome evocativo, che racchiude in sé l’identità di Etro, una fragranza intensa e misteriosa. Un equilibrio perfetto tra un lato femminile, avvolgente, seducente e un’anima determinata dalla passionalità forte e complessa. Il Paisley, antico simbolo orientale le cui volute e spire catturano l’attenzione, afferma una personalità decisa e intricata, misteriosa e piena di promesse, profondae mutevole come l’umore di una donna. Le essenze avvolgono la pelle in un gioco intrigante di esclusività e raffinatezza.




Palais Jamais

PALAIS JAMAIS

Un profumo rilassante e meditativo, un profumo che visualizza la contemplazione assorta di un giardino sacro, nel crepuscolo tiepido e profumato di gelsomino d’Oriente.

Dal nome di un antico edificio marocchino, un profumo che visualizza la contemplazione assorta di un giardino sacro, nel crepuscolo tiepido e profumato di gelsomino d’Oriente. Un luogo dell’anima dove rifugiarci e dove trovare, quando servono, energie ed equilibrio, rapiti dal mondo e dal quotidiano per avvolgerci nell’energia di una nuova spiritualità. Essenza rilassante e meditativa.




Patchouly edt

PATCHOULY

Bisogna essere disposti a piacere ma soprattutto a piacersi per indossare questa fragranza sensuale e potente.

Non ha mezze misure: è uno strumento di fascino che cattura gli sguardi e incendia l’atmosfera. Bisogna essere disposti a piacere ma soprattutto a piacersi per indossare questa fragranza sensuale, potente. E’ un amplificatore di personalità che grida, non sussurra, voglia di vivere, di gioire e di dare gioia, di lasciare ammirati e ammirarsi. Senza stupirsi dell’ondata di emozioni che si possono suscitare.




Anice

ANICE

Un profumo pungente, intenso, tonificante.

Un profumo pungente, intenso, tonificante. Espressione di un’euforia non convenzionale, che gioca con il cuore e con il cervello intensificando le sensazioni e i sensi. Contagioso e persistente, il suo calore penetrante attraversa l’aria per propagarsi con un solo tocco a chi ci circonda. Sempre che la persona destinataria della scossa sia un buon conduttore.




Ambra

AMBRA

L’ambra grigia è un’essenza rara, mitico dono del mare, come Venere nata dalle onde.

L’ambra grigia è un’essenza rara, mitico dono del mare, come Venere nata dalle onde. Il suo è il profumo afrodisiaco per definizione, capace di imprigionare senza prevaricare, con un fascino inafferrabile e misterioso, come un incantesimo, avvolgente, conturbante.




Diantus

DIANTHUS

Energico e frizzante, risveglia i sensi e l’ambiente per diventarne il centro d’attenzione.

Il fiore noto con il nome di garofano, simbolo di un amore passionale, è originario di Zanzibar e conserva la memoria di quel lontano paese nelcalore del suo profumo, intenso e solare. Da esso la fragranza prende la sua essenza femminile ma senza cadere in una dolcezza eccessiva. Energica e frizzante, risveglia i sensi e l’ambiente per diventarne il centro d’attenzione




Vicolo Fiori

VICOLO FIORI

Accordo fruttato floreale, tenero, delicato e femminile.

Accordo fruttato floreale, tenero, delicato efemminile. Sinfonia di aromi fioriti che sembra guidata da un direttore d’orchestra: nessuna voce si impone sulle altre, ogni nota esprime il suo carattere col giusto tocco. Un giardino da sogno, un angolo incontaminato di natura, composta con note orientali e occidentali. Sottolinea la radiosità di una persona innamorata, la sua voglia di romantico.




Vetiver

VETIVER

Estratto da una pianta erbacea, il vetiver viene distillato con una tecnica complessa e il suo olio essenziale viene chiamato “tranquillità”.

Una fragranza dalla forza maschile, identificata e rappresentata dall’essenza che le da il nome, posta a dominare sia le note legnose che quelle aromatiche. Estratto da una pianta erbacea, il vetiver viene distillato con una tecnica complessa e il suo olio essenziale viene chiamato della “tranquillità”. Ricorda il rassicurante profumo delle figure guida maschili, e l’odore del tabacco ispira il confortevole abbraccio delle tradizioni.